SANTI CIRILLO E METODIO 14 Febbraio 2012

Mar 14 Feb 2012
Ss. CIRILLO E METODIO (f)

MissF.O.  Letture  Lodi
Media  Vespri  Compieta

http://www.maranatha.it/PDAliturgy/12to06/00-ENTRA.htm

 Mar  14  Ss. Cirillo e Metodio (f)

 27nov11 – 25feb12 Avvento –  Natale –  TOrd. I – VII
19feb12 – 16giu12 Quar.  – Triduo – Pasqua – T.O.
17giu12 – 01set12 Tempo Ordinario  XI – XXI
02set12 – 01dic12 Tempo Ordinario  XXII – XXXIV

Avvento – Natale – Gen – Feb – Ceneri

Grado della Celebrazione: FESTA
Colore liturgico: Bianco

Ascolta il Vangelo >http://www.lachiesa.it/niftyplayer.swf?file=http://www.lachiesa.it/liturgia/allegati/mp3/S0214.mp3

Le due letture di oggi parlano dell’evangelizzazione a proposito dell’apostolato dei santi Cirillo e Metodio.
Il testo di Isaia parla già di “buona notizia” ed esprime un movimento centripeto verso Gerusalemme; il messaggero annuncia la pace “le sentinelle vedono con i loro occhi il ritorno del Signore in Sion”, tutti i popoli guardano la santa città.
Nel Vangelo il movimento è inverso. Gesù invia gli Apostoli nel mondo: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura… Allora essi partirono e predicarono dappertutto”.
Ci sono dunque due dinamiche diverse nell’AT, si pensa la salvezza come la venuta delle nazioni a Gerusalemme, il centro del mondo, dove si sale al monte del Signore, che attira tutti; nel NT Gerusalemme non è più il centro dell’unità, il “luogo” dell’unità è ora il corpo di Cristo risorto, presente in modo misterioso dovunque sono i suoi discepoli. “Andate in tutto il mondo”. Ecco la legge dell’evangelizzazione, senza evidentemente perdere il legame con Gesù, luogo dell’unità di tutti coloro che credono in lui.
U problema per i santi Cirillo e Metodio è stato proprio quello di andare ad altri popoli, malgrado le grandi difficoltà, che non erano solo difficoltà di viaggio (c’erano certamente anche quelle, nel ix secolo), ma difficoltà di rivolgersi a popoli che non erano di cultura greca o latina, i popoli slavi.
Cirillo e Metodio furono veramente pionieri di quella che oggi si chiama “inculturazione”, cioè il tradurre la fede nella cultura del paese invece di imporre la propria. Essi tradussero la Bibbia in slavo celebrarono la liturgia in lingua slava, una audacia per la quale furono denunciati a Roma da missionari latini. Venuti dal papa per discolparsi, furono capiti, approvati da lui che, dopo la morte di Cirillo avvenuta appunto a Roma, un 14 Febbraio, consacrò Vescovo san Metodio e lo rimandò nei paesi slavi a continuare la sua opera di evangelizzazione.
Oggi si è preso più coscienza di questo problema che per secoli ha causato incomprensioni, condanne e ritardi nell’evangelizzazione. Ormai ci si rende conto che la fede è separabile da ogni cultura e deve radicarsi in ognuna di esse, come fermento che le impregna del Vangelo.
È un problema non solo di popoli diversi, ma di generazioni diverse: in ogni generazione la fede domanda di essere espressa in modo nuovo.
È sempre la stessa, ma è un fermento di vita che chiede di crescere e di trovare sempre nuove forme per progredire. Proprio Gesù ha paragonato il Vangelo a un seme di senapa che cresce, si trasforma, diventa un albero.
Dobbiamo avere la preoccupazione di andare agli altri e di non obbligarli a uniformarsi alle nostre abitudini, a ciò che noi pensiamo sia il meglio.
Andare agli altri come Gesù è venuto a noi: facendosi uomo, accettando tutto ciò che è umano per farsi comprendere dagli uomini e poterli introdurre nella sua intimità.
San Paolo ci spiega che l’unità è possibile solo nella diversità dove ognuno si esprime secondo la propria vocazione e si adatta agli altri per formare un solo corpo nella molteplicità delle sue membra. Preghiamo allora così: “Padre tu che ami ciascuno di noi come un figlio e vuoi che ciascuno esprima in modo personale il mistero del tuo amore, donaci di accogliere ogni nostro fratello come egli è, perché possiamo tutti rimanere nell’unità del tuo amore”.

Antifona d’ingresso
Questi sono i santi, amici di Dio,
gloriosi araldi del Vangelo.
Si dice il Gloria.

Colletta
O Dio, ricco di misericordia,
che nella missione apostolica
dei santi fratelli Cirillo e Metodio
hai donato ai popoli slavi la luce del Vangelo,
per la loro comune intercessione
fa’ che tutti gli uomini accolgano la tua parola
e formino il tuo popolo santo
concorde nel testimoniare la vera fede.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

Prima lettura At 13,46-49

Noi ci rivolgiamo ai pagani.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, [ad Antiòchia di Pisìdia] Paolo e Bàrnaba con franchezza dichiararono [ai Giudei]: «Era necessario che fosse proclamata prima di tutto a voi la parola di Dio, ma poiché la respingete e non vi giudicate degni della vita eterna, ecco: noi ci rivolgiamo ai pagani. Così infatti ci ha ordinato il Signore:
“Io ti ho posto per essere luce delle genti,
perché tu porti la salvezza sino all’estremità della terra”».
Nell’udire ciò, i pagani si rallegravano e glorificavano la parola del Signore, e tutti quelli che erano destinati alla vita eterna credettero. La parola del Signore si diffondeva per tutta la regione.

Parola di Dio.

Oppure, in Quaresima:

(Is 52,7-10 – Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio)

Dal libro del profeta Isaìa

Come sono belli sui monti
i piedi del messaggero che annuncia la pace,
del messaggero di buone notizie che annuncia la salvezza,
che dice a Sion: «Regna il tuo Dio».
Una voce! Le tue sentinelle alzano la voce,
insieme esultano,
poiché vedono con gli occhi
il ritorno del Signore a Sion.
Prorompete insieme in canti di gioia,
rovine di Gerusalemme,
perché il Signore ha consolato il suo popolo,
ha riscattato Gerusalemme.
Il Signore ha snudato il suo santo braccio
davanti a tutte le nazioni;
tutti i confini della terra vedranno
la salvezza del nostro Dio. Parola di Dio

Salmo responsoriale  Sal 116

Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo.

Genti tutte, lodate il Signore,
popoli tutti, cantate la sua lode.

Perché forte è il suo amore per noi
e la fedeltà del Signore dura per sempre.

Canto al Vangelo (Lc 4,18)
Alleluia, alleluia.
oppure (in Quaresima):
Lode e onore a te, Signore Gesù.

Il Signore mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione.

Alleluia, alleluia.
oppure (in Quaresima):
Lode e onore a te, Signore Gesù.

Vangelo  Lc 10,1-9

La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”». Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
I santi Cirillo e Metodio sono stati mirabili messaggeri di pace, di bene e di salvezza presso i popoli slavi. Con la loro intercessione, preghiamo Dio Padre perchè aiuti la Chiesa a farsi tutta a tutti. Diciamo insieme:
Riunisci il tuo popolo, Signore.

Per la santa Chiesa: santifichi il mondo con l’efficacia della tua grazia. Preghiamo:
Per le nazioni dell’Europa: trovino nella fede in Dio e nei valori umani il sostegno all’unità e alla concordia. Preghiamo:
Per gli operatori della cultura: diffondiamo con forza e convinzione il bene presente in ogni popolo. Preghiamo:
Per i cristiani: si impegnino attivamente per cancellare le divisioni tra le Chiese. Preghiamo:
Per i popoli slavi: il loro profondo senso religioso li aiuti a sopportare le attuali difficoltà. Preghiamo:
Per i governanti: impegnino la loro opera per la libertà, la giustizia e la pace. Preghiamo:
Per noi che partecipiamo a questa eucaristia: il Cristo centro dell’universo ci liberi da ogni divisione e discordia. Preghiamo:

O Padre, in Cirillo e Metodio ci doni un modello e un invito alla missione; degnati ora di ascoltare queste nostre preghiere, perchè la Chiesa sappia sempre servirsi delle parole degli uomini per diffondere la tua Parola. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Guarda, o Padre, i doni
che nel ricordo dei santi Cirillo e Metodio
deponiamo sul tuo altare
e fa’ che diventino il segno
dell’umanità nuova riconciliata nell’amore.
Per Cristo nostro Signore.

Prefazio dei santi I,
oppure Prefazio dei santi II,
oppure Prefazio dei pastori.

Antifona di comunione
I discepoli partirono
e predicarono il lieto annunzio,
e il Signore operava insieme con loro. (cf. Mc 16,20)

Preghiera dopo la comunione

O Dio, Padre di tutte le genti,
che nell’unico pane e nell’unico Spirito
ci hai fatti commensali ed eredi del banchetto eterno,
per l’intercessione dei santi Cirillo e Metodio
fa’ che la moltitudine dei tuoi figli,
unita nella stessa fede,
sia solidale nel costruire la giustizia e la pace.
Per Cristo nostro Signore.

http://www.lachiesa.it/calendario/Detailed/20120214.shtml

Eremo San Biagio     (Omelia del 14-02-2012)

Commento su Luca 10,1

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé.
Lc 10,1

Come vivere questa Parola?

Il vangelo di oggi è fondamento dell’azione evangelizzatrice dei due santi che celebriamo: essi sono andati, nel nome di Cristo, su e giù per l’Europa annunciando la Pace. Cioè il compimento dell’attesa messianica, la concretizzazione del Regno di Dio, dunque! Accogliere o non accogliere la Pace portata dai 72 significa accogliere o rifiutare il Regno messianico, cioè Cristo stesso.

Là dove la Pace non è accolta significa che la fede in Cristo è morta o è rifiutata. È una forte provocazione per l’Europa di oggi! Tanti “settantadue” sono passati, tante volte è stata annunciata e portata la Pace tra i nostri popoli d’Europa, eppure oggi la fede è povera o è morta in molti paesi.

C’è sempre un bivio nell’esistenza di ogni popolo e di ogni cuore: o credere in Dio cercando in Lui il senso del nostro essere ed agire, pur nella fatica di “seguire, umilmente e ogni giorno, le tracce della sua grazia che ci attira” (Cassiano), o fuggire da Dio e da se stessi disgregandosi interiormente fino ad autocondannarsi alienandosi in eterno dall’Amore trinitario, senza Pace e fuori dal Regno!

Oggi nella mia pausa contemplativa mi porrò ancora una volta dinanzi all’opzione fondamentale dell’esistere: credere o fuggire; e aderendo saldamente alla fedeltà di Dio mi disporrò ad essere “segno” perché a sua volta il mondo creda. Questa la mia preghiera:
Donami, Signore, di poter raccontare la mia fede con la lingua nuova dell’amore perché tutti attorno a me possano riconoscere in Te la sorgente della vita.

La voce dei nostri santi 

È tuo dono, Signore, l’averci scelti a predicare il vangelo del tuo Cristo, a incitare i fratelli alle buone opere e a compiere quanto ti è gradito.
San Cirillo

Movimento Apostolico – rito romano     (Omelia del 14-02-2012)

La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai!

Più è grande e universale la missione che ci è stata affidata e più si rivela necessaria la condivisione di mansioni e di responsabilità. Tutto però va vissuto in modo unitario, sotto la regia e la responsabilità gerarchica di quelli che stanno più in basso verso coloro che sono posti in alto, in modo che si giunga tutti a colui dal quale ogni cosa dipende in ultima istanza. Questa legge ci viene insegnata da Ietro nel Libro dell’Esodo: “Il giorno dopo Mosè sedette a render giustizia al popolo e il popolo si trattenne presso Mosè dalla mattina fino alla sera. Allora il suocero di Mosè, visto quanto faceva per il popolo, gli disse: «Che cos’è questo che fai per il popolo? Perché siedi tu solo, mentre il popolo sta presso di te dalla mattina alla sera?». Mosè rispose al suocero: «Perché il popolo viene da me per consultare Dio. Quando hanno qualche questione, vengono da me e io giudico le vertenze tra l’uno e l’altro e faccio conoscere i decreti di Dio e le sue leggi». Il suocero di Mosè gli disse: «Non va bene quello che fai! Finirai per soccombere, tu e il popolo che è con te, perché il compito è troppo pesante per te; non puoi attendervi tu da solo. Ora ascoltami: ti voglio dare un consiglio e Dio sia con te! Tu sta’ davanti a Dio in nome del popolo e presenta le questioni a Dio. A loro spiegherai i decreti e le leggi; indicherai loro la via per la quale devono camminare e le opere che devono compiere. Invece sceglierai tra tutto il popolo uomini validi che temono Dio, uomini retti che odiano la venalità, per costituirli sopra di loro come capi di migliaia, capi di centinaia, capi di cinquantine e capi di decine. Essi dovranno giudicare il popolo in ogni circostanza; quando vi sarà una questione importante, la sottoporranno a te, mentre essi giudicheranno ogni affare minore. Così ti alleggerirai il peso ed essi lo porteranno con te. Se tu fai questa cosa e Dio te lo ordina, potrai resistere e anche tutto questo popolo arriverà in pace alla meta».Mosè diede ascolto alla proposta del suocero e fece quanto gli aveva suggerito. Mosè dunque scelse in tutto Israele uomini validi e li costituì alla testa del popolo come capi di migliaia, capi di centinaia, capi di cinquantine e capi di decine. Essi giudicavano il popolo in ogni circostanza: quando avevano affari difficili li sottoponevano a Mosè, ma giudicavano essi stessi tutti gli affari minori. Poi Mosè congedò il suocero, il quale tornò alla sua terra” (Es 18,13-27). Mosè non è più solo. Si può ben lavorare.
Dopo questi fatti il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”.
Gesù è il Redentore e il Salvatore del mondo. Poiché la grazia e la verità sono frutto e dono di Dio che viene maturato, donato, offerto attraverso la partecipazione impegnata, sofferta, obbediente del corpo dell’uomo, Gesù in quanto vero uomo e vero corpo, anche lui è limitato. Non può essere in ogni luogo della terra. Non può abbracciare fisicamente, con il suo corpo di carne, tutta la storia dell’umanità. Come superare questo limite? Come poter essere presente sempre, in ogni luogo, in ogni tempo, per dare il frutto della sua salvezza e della sua redenzione? Aggiungendo infiniti altri corpi al suo. Facendo del suo e del loro un solo corpo di redenzione e di salvezza. Questa legge di Cristo, è legge di ogni altro corpo chiamato a dare salvezza. Ogni corpo è responsabile del mondo intero. Per questo anche lui deve aggiungere altri corpi.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, insegnateci questa verità.

Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 14-02-2007)

Andate a tutto il mondo… parlerò io

“Il Signore designò altri settantadue discepoli e li inviò a due a due avanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è molta, ma gli operai sono pochi. Pregate dunque il padrone della messe perché mandi operai per la sua messe. Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né bisaccia, né sandali e non salutate nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: Pace a questa casa. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi”. I due di turno, inviati come i primi per la messe del Signore, con la stessa missione, come annunciatori del vangelo di Gesù Cristo e della sua pace, sono i fratelli santi, Cirillo monaco e Metodio vescovo. Fanno parte della schiera numerosissima dei missionari e degli apostoli della fede cristiana, ma la loro santità, che ulteriormente li affratella, è legata alla divina e umana sapienza con cui hanno espletato il loro ministero. Hanno compreso appieno che con la fede cristiana vanno coniugati altri valori di civiltà e di crescita, che mirabilmente concorrono ad elevare tutto l’uomo verso Dio. La sapienza cristiana, dono dello Spirito Santo, messa a servizio dell’uomo e di intere popolazioni, diventa motivo di crescita sia nel campo della fede, sia in tutto ciò che giova ad elevare la qualità della vita in tutti i suoi aspetti. Si diventa così, come è accaduto per due grandi, che oggi celebriamo, annunciatori della verità di Dio, costruttori di pace, animatori di un sano progresso. Gli strumenti sono quelli di sempre, quelli che, lo stesso Signore ha affidato ai suoi, cambia però il modo di porgerli e di realizzarli nella concretezza della storia, nel confronto con culture diverse, con tradizioni diverse, con lingue diverse. I popoli slavi, particolarmente hanno goduto della santità dei due eroi della fede, ma l’Europa intera, li venera e li ricorda con viva e perenne gratitudine. Per questo l’attuale pontefice nel 1980 li ha proclamati patroni del nostro continente, additandoli ad esempio per tutti coloro che hanno il compito di promuovere la crescita degli uomini del nostro tempo, sia nell’ambito religioso, sia in quello civile ed umano. Il Parlamento Europeo nella bozza di costituzione, proposta in questi giorni, sembra abbia dimenticato completamente la storia soprattutto misconosce l’influsso innegabile del cristianesimo sulla nostra civiltà. Cirillo e Metodio, patroni d’Europa, non fanno più parte del parlamento europeo, sono stati indebitamente espulsi e non solo loro due!

14/02/2012   SANTO DEL GIORNO   Santi Cirillo e Metodio

14/02/2012    Cirillo e Metodio    Patroni d’Europa

SANTI CIRILLO, monaco e METODIO, vescovo – Patroni d’Europa   versione testuale
Festa
help

 

Febbraio 2012
D L M M G V S
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29

 

La Liturgia di oggi

SANTI CIRILLO E METODIO
(Bianco)
I Lettura At 13,46-49
Noi ci rivolgiamo ai pagani.
Salmo (Sal 116)
Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo.
Vangelo Lc 10,1-9
La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.

14 febbraio 2012
Il Santo del giorno

Santi Cirillo e MetodioApostoli degli Slavi
i santi di oggi …

I Santi di oggi

Santi Cirillo e Metodio Apostoli degli Slavi – Festa
San Cirillo Monaco, apostolo degli Slavi –Festa
San MetodioVescovo, apostolo degli Slavi – Festa
San Valentino Martire
San Vitale di SpoletoMartire
Santi Modestino, Fiorentino e FlavianoMartiri
San Giovanni Battista della Concezione Sacerdote trinitario
gli altri santi …

 

Le Notizie
Agenzia Sir
Osservatore Romano
Avvenire
Misna
Fides
Zenit

Anna Posta

 

Published in: on febbraio 14, 2012 at 8:13 am  Lascia un commento  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://vetrinadipreghiera.wordpress.com/2012/02/14/santi-cirillo-e-metodio-14-febbraio-2012/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: