CUORE IMMACOLATO DELLA BEATA VERGINE MARIA

 Consacrazione al Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria di Fatima 
Posted by pierinoilmissionario in Poesie e PreghieretrackbackO Vergine santa, Madre di Gesù e Madre nostra, che sei apparsa a Fatima ai tre pastorelli per recare al mondo un messaggio di pace e di salvezza, io mi impegno ad accogliere questo tuo messaggio. Mi consacro oggi al tuo Cuore Immacolato, per appartenere così più perfettamente a Gesù. Aiutami a vivere fedelmente la mia consacrazione, con una vita tutta spesa nell’amore di Dio e dei fratelli, sull’esempio della tua vita. In particolare Ti offro le preghiere, le azioni, i sacrifici della giornata, in riparazione dei peccati miei e degli altri, con l’impegno di compiere il mio dovere quotidiano secondo la volontà dei Signore. Ti prometto di recitare ogni giorno il Santo Rosario, contemplando i misteri della vita di Gesù, intrecciati ai misteri della tua vita. Voglio vivere sempre da vero figlio tuo e cooperare perché tutti Ti riconoscano e amino come Madre di Gesù, vero Dio e unico nostro Salvatore. Così sia

Ricorre il giorno dopo la Festa del Sacratissimo Cuore  di Gesù

FESTA DEL CUORE IMMACOLATO DELLA BEATA VERGINE MARIA

Il promotore della festa liturgica del Cuore Immacolato di Maria fu San Giovanni Eudes, già promotore insieme a Santa Margherita Alacocque della festa del Sacro Cuore di Gesù. Proprio San Giovanni Eudes cominciò a celebrare il Cuore di Maria nel 1643 insieme agli altri religiosi della sua Congregazione. Nel 1668 il Cardinale legato per la Francia approvò la festa e i testi liturgici, ma da Roma non arrivò la tanto sospirata approvazione. Solo dopo il 1765, con l’introduzione della festa del Sacro Cuore di Gesù, venne concessa la libertà di celebrare in alcune diocesi anche il Cuore di Maria.

 Solo nel 1944 Papa Pio XII estese la festa a tutta la Chiesa, a ricordo perenne della consacrazione del mondo al Sacro Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria, avvenuta nel 1942; bisogna dire che però, già a partire dalle apparizioni di Fatima del 1917, il culto del Cuore di Maria ebbe un grande impulso in tutto il mondo. La scelta di porre questa festa il giorno dopo quella del Sacro Cuore di Gesù si deve anche a San Giovanni Eudes, che si spese totalmente nell’affermare sempre l’unione profonda della Madre con il Figlio.

http://www.maranatha.it/Feriale/santiProprio/CuoreMPage.htm

La liturgia della festa odierna sottolinea il lavoro spirituale di Maria, prima discepola di Cristo, coinvolta insieme a Lui in tutte le sue vicende terrene ed insieme a Lui tende a penetrare nel mistero che stavano vivendo.

Con questo suo modo di agire, Maria ci insegna a nutrirci profondamente del Verbo di Dio, in preghiera e silenzio, insegnandoci anche a meditare sugli avvenimenti della nostra vita quotidiana, scoprendo che in ogni momento della nostra vita, Dio si rivela, inserendosi nella nostra storia.

Emanuele Fonte: www.santiebeati.it

http://www.pastoralespiritualita.it/Sezione-Audio-mp3/Il-Santo-Rosario-Audio-Recitalo-online/

ALLA FINE IL MIO CUORE IMMACOLATO TRIONFERA’


Gesu’, nel manifestarsi a Santa Margherita Maria Alacoque, la celebre veggente del Sacro Cuore, mentre proclamava l’immensità’ del suo amore, si lamentò dei molti e gravi oltraggi che gli venivano recati dagli uomini:
“Ecco quel Cuore che ha tanto amato gli uomini e li ha ricolmati d’ogni genere di benefici. E che in cambio del suo amore infinito non solo non ha avuto gratitudine, ma, al contrario, dimenticanza, indifferenza, oltraggi!”

Per i devoti del Suo Sacro Cuore, Gesù ha promesso:

–          di mettere pace nelle loro famiglie, di consolarli nelle loro afflizioni, di essere il loro rifugio in vita e soprattutto nella loro morte, di benedire le loro imprese;

–          che i peccatori troveranno misericordia, che i tiepidi diventeranno ferventi e che i ferventi saliranno a grande perfezione;

–          di benedire il focolare dove l’immagine del suo Sacratissimo Cuore sara’ esposta e onorata.

–          Oltre a questo, Gesù ci ha fatto anche una grande rivelazione, più conosciuta come “la grande promessa”. Ecco le Sue parole a Santa Margherita Maria:

–          “Io prometto che il mio amore onnipotente accorderà a tutti coloro che si comunicheranno il primo venerdì del mese, per nove mesi consecutivi. (…) “…la grazia della penitenza finale e non morranno in mia disgrazia ne’ senza ricevere i santi sacramenti e il mio Cuore sarà per essi un asilo sicuro negli ultimi momenti”.

Resta inteso, certo, che queste promesse, in ordine alla salvezza, non annullano ne’ le esigenze della fede ne’ l’impegno di condurre una vita conforme al Vangelo.

http://www.reginamundi.info/madonna-di-fatima/primicinquesabati.asp

“Le persone che propagano questa devozione – ha promesso ancheGesù’ – avranno il loro nome scritto nel mio Cuore e non sarà mai cancellato”.

Tutto questo già sarebbe sufficiente per darci una santa motivazione a fare questa diffusione. Ma c’è qualche rapporto fra la devozione al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria? E con le apparizioni a Fatima?

http://it.wikipedia.org/wiki/Apparizioni_di_Fatima

“Affinché la devozione all’augustissimo Cuore di Gesù produca i più copiosi frutti nella famiglia cristiana e perfino nell’intera umanità – ha insegnato il Papa Pio XII nell’enciclica “Haurietis aquas” -, i fedeli abbiano cura di unirvi strettamente la devozione al Cuore Immacolato della Madre di Dio” (§ 84).
Le apparizioni della Madonna a Fatima furono preparate da quelle dell’Angelo del Portogallo ai tre fanciulli, Lucia, Giacinta e Francesco. Il ricorso al Sacro Cuore di Gesù insieme al Sacro Cuore di Maria, fu insegnato dal celeste messaggero ai tre privilegiati bambini.

Poco prima di morire, Giacinta disse alla sua cugina Lucia: “Tu resterai in vita, per dire che Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Cuore Immacolato di Maria; il Cuore di Gesù vuole che, al suo fianco, si veneri anche il Cuore di Maria” (ibidem).
“E’ impressionante notare il parallelismo esistente tra il messaggio diParay-le-Monial (Sacro Cuore di Gesù) e quello di Fatima” (ibidem).

Memoria mariana di origine devozionale, istituita da Pio XII, la celebrazione della festa del Cuore Immacolato di Maria ci invita a meditare sul mistero di Cristo e della Vergine nella sua interiorità e profondità. Maria, che custodisce le parole ed i fatti del Signore meditandoli nel suo cuore (Lc 2,19), è dimora dello Spirito Santo, sede della sapienza (Lc 1,35), immagine e modello della Chiesa che ascolta e testimonia il messaggio del Signore (cfr Lc 11,28). (Mess. Rom.)

Il promotore della festa liturgica del Cuore Immacolato di Maria fu San Giovanni Eudes (1601-1680) che già verso il 1643, la cominciò a celebrare con i religiosi della sua congregazione. Nel 1668 le festa e i testi liturgici furono approvati dal cardinale legato per tutta la Francia, mentre Roma si rifiutò più volte di confermare la festa. Fu solo dopo l’introduzione della festa del S. Cuore di Gesù nel 1765, che verrà concessa qua e là la facoltà di celebrare quella del Cuore di Maria, tanto che anche il Messale romano del 1814 la annovera ancora tra le feste “pro aliquibus locis”. Papa Pio XII estese nel 1944 la festa a tutta la Chiesa, a perenne ricordo della Consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, da lui fatta nel 1942. Il Culto del Cuore Immacolato di Maria ha ricevuto un forte impulso dopo le apparizioni di della Madonna a Fatima del 1917.

La vicinanza delle due feste riconduce a S. Giovanni Eudes, il quale nei suoi scritti non separò mai i due Cuori di Gesù e di Maria e sottolinea l’unione profonda della madre col Figlio di Dio fatto carne, la cui vita pulsò per nove mesi ritmicamente con quella del cuore di Maria.

La Liturgia della festa sottolinea il lavorio spirituale del cuore della prima discepola di Cristo e presenta Maria come protesa, nell’intimo del suo cuore, all’ascolto e all’approfondimento della parola di Dio. Maria medita nel suo cuore gli eventi in cui è coinvolta insieme a Gesù, cercando di penetrare il mistero che sta vivendo: conservare e meditare nel suo cuore tutte le cose, le fa scoprire la volontà del Signore, come un pane che la nutre nell’intimo, come un’acqua zampillante in un fecondo terreno. Con questo suo modo di agire, Maria ci insegna a nutrirci in profondità del Verbo di Dio, a vivere sfamandoci e abbeverandoci di lui e soprattutto a trovare Dio nella meditazione, nella preghiera e nel silenzio. Maria, infine, ci insegna a riflettere sugli avvenimenti della nostra vita quotidiana e a scoprire in essi Dio che si rivela, inserendosi nella nostra storia.

LA PROFEZIA FINALE DI FATIMA, IN QUESTO TEMPO DI “APOSTASIA SILENZIOSA”.

http://www.lucisullest.it/dett_news.php?id=4421

ALLA FINE IL MIO CUORE IMMACOLATO TRIONFERA’

http://www.piccolifiglidellaluce.it/treavemaria.htm

The URI to TrackBack this entry is: https://vetrinadipreghiera.wordpress.com/2011/07/02/cuore-immacolato-della-beata-vergine-maria-2/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: