Omelie Vangelo 18 Marzo 2011

VENERDI’ DELLA I^ SETTIMANA DI QUARESIMA

Monaci Benedettini Silvestrini

Ma io vi dico…

«Se il malvagio si ritrae da tutti i peccati che ha commessi e osserva tutti i miei decreti e agisce con giustizia e rettitudine, egli vivrà, non morirà. Nessuna delle colpe commesse sarà ricordata, ma vivrà per la giustizia che ha praticata». Il profeta ci rivela una grandissima verità che sgorga dal cuore stesso di Dio: la sua propensione al perdono totale ed immediato quando scorge il vero pentimento nel cuore dell’uomo peccatore. La tentazione ricorrente, che sfigura l’immagine stessa del nostro Padre celeste, è quella di presentarlo come giudice spietato, sempre pronto a scagliare le sue saette e ad infliggere i suoi castighi. Dio solo sa quanti sono stati allontanati dalla vera fede a causa di una severità tutta umana, indebitamente attribuita a Dio! Capita spesso, ancora ai nostri giorni, di voler paragonare e confondere l’agire di Dio, e quindi anche la sua giustizia, con quella degli uomini. È per questo che Gesù ci ripete solennemente: «Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli». La giustizia, quando viene disancorata dalla misericordia e dal perdono, diventa misera e riprovevole vendetta. Da quando la nostra Chiesa è stata segnata dal mistero della redenzione, dal patto della nuova ed eterna alleanza, non può più ignorare la legge del perdono. Non può più negare ad alcuno la misericordia, se la implora con cuore pentito. Sussiste ancora il rischio di far prevalere il “diritto” sull’Amore, anche se tutti siamo ben consapevoli dei comportamenti ben diversi di Gesù. Egli arriva ad essere accusato di eversione, di essere sprezzante della legge, di essere persino un bestemmiatore quando deve proclamare e dimostrare agli uomini l’avvento della misericordia e la gioia del perdono. Sono ancora troppi coloro che vengono a bussare alle porte delle nostre chiese, dopo aver bussato al cuore stesso di Cristo, e si sentono respinti, cacciati fuori in nome della legge. Che responsabilità! «Avevo fame, avevo sete di giustizia e mi è stata negata…», È come negare la risurrezione ad un morto! È come voler rinchiudere di nuovo Gesù nel suo sepolcro. La via che Gesù ci ìndica è diametralmente opposta: «Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stùpido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geènna». E perfino ogni nostra offerta deve essere prima purificata con il perdono e la riconciliazione: «Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono».

Monaci Benedettini Silvestrini

Oltre i limiti della legge…

«Avete inteso…, ma io vi dico…» Gesù si propone come una sconvolgente novità. Egli non viene ad abolire la legge, ma a darne compimento. Sicuramente non possiamo prendere a modello la «giustizia» farisàica, che si fonda sulla scrupolosa osservanza della legge nei suoi aspetti formali ed esteriori, ma non ne percepisce e pratica lo spirito. Gesù stimmatizza i loro comportamenti e arriva a definirli sepolcri imbiancati. La vera religiosità è animata dalla fede e dall’amore ed è tutta orientata alla gloria di Dio e all’assidua ricerca della sua santissima volontà. Gli stessi comandamenti di Dio possono essere deformati, sminuendo il loro vero significato e le implicazione morali che ne derivano. Si può uccidere il prossimo anche senza privarlo della vita fisica e perciò anche soltanto l’insulto deve essere ritenuto lesivo del precetto dell’amore e meritevole di condanna. Questo tipo di mancanza, assai frequente, se non adeguatamente riparato, rischia di invalidare anche i momenti migliori della nostra esperienza religiosa. Per cui se stiamo andando a portare la nostra offerta al Signore e la coscienza ci rimprovera un comportamento scorretto nei confronti del nostro prossimo o un risentimento da parte di qualche nostro fratello, nei nostri confronti, dobbiamo prima cercare la riconciliazione e poi tornare a portare il nostro dono. L’esempio che Gesù ci riferisce è facilmente applicabile alla partecipazione alle nostre liturgie ed in particolare a quella eucaristica. Talvolta non è sufficiente il rapido esame di coscienza che il celebrante c’invita a fare prima della celebrazione, per scoprire la nostra vera situazione nei confronti di Dio e del nostro prossimo. Non è sufficiente neanche lo scambio del segno della pace prima di accedere alla mensa eucaristica. Bisognerebbe ristabilire prima la pace piena e poi venire, veramente liberi, a godere della piena comunione con il Signore. Soltanto così siamo capaci di comprendere e vivere la vera giustizia, ciò che è giusto non secondo l’umana accezione, ma secondo il volere divino. Questo è il culto che dobbiamo a Dio, questo è il candore che deve adornare la nostra anima prima di entrare nel banchetto di Dio. C’è da temere che siano ancora molti i profanatori del tempio perché incapaci di perdono e di riconciliazione.

Monaci Benedettini Silvestrini

Urgenza della conversione

L’odierna Liturgia della Parola ci suggerisce il tema della conversione, del cambiamento possibile. Siamo ancora in cammino, abbiamo ancora tempo per cambiare: non siamo ancora davanti al Giudice per essere giudicati. Siamo ancora lungo la strada, in viaggio e possiamo metterci d’accordo con il nostro “avversario”. Il profeta Ezechiele, nella prima lettura ci rivela chi è il nostro avversario. È il fratello con il quale non siamo d’accordo. La grande tentazione di oggi, così largamente estesa, e che proviene dallo spirito del male, è che è inutile tentare di cambiare, “tanto non è possibile cambiare!”. Invece Dio proclama che cambiare è possibile, che lui stesso ci spinge a cambiare. Il grande desiderio di Dio è di vederci cambiati, trasformati, santi. Certo, il cambiamento, cioè la conversione costa… Ma Dio diminuisce le difficoltà. Per questo oggi ci promette che il peccatore non morirà, ma vivrà, se si convertirà. “Va’ a riconciliarsi con il tuo fratello”, ci dice. Gesù afferma che per fare parte della vera e nuova giustizia è necessario trascendere quella degli scribi e dei farisei. È la condizione senza la quale non è possibile accostarsi all’altare. Cristo esige la conversione perché l’uomo è tempio dell’amore di Dio e dello Spirito Santo. La conversione è un ripartire, un ritorno alla sorgente della Vita. Gesù chiama i peccatori e anche ciascuno di noi, per il suo regno, regno di giustizia e di amore, di pace e di perdono. Domandiamo dunque al Signore il dono della speranza nella buona, completa conversione, nostra e altrui, per poter diventare migliori, con la grazia del Signore.

Monaci Benedettini Silvestrini

L’esigenza della preghiera, dinamismo di amore

Il Vangelo odierno parla della preghiera e in particolare della preghiera che si svolge davanti all’altare del Signore. Con Gesù, scopriamo una dimensione particolare della stessa preghiera. Essa è il nostro intimo colloquio con Dio. Lo stesso Signore ci chiede di pregare con fede e fiducia. Nella preghiera si può vivere concretamente l’esperienza di sentirsi figli di Dio, amati da un Padre fedele e dalla bontà infinita. La preghiera è moto dell’anima che è vissuta concretamente perché informata dall’amore di Dio. La nostra preghiera sale al cielo, come il profumo del buon incenso, che arde di amore, di lode e di riconoscenza. In questo particolare incensiere il fuoco è alimentato dalla nostra vita che realizza, nella quotidianità, la vera esperienza di amore. La preghiera è allora una dinamica che coinvolge tutto il nostro essere perché possiamo presentarci a Dio con sincerità e purezza di cuore e realizzare il mandato che Gesù ci ha offerto dal monte delle Beatitudini. Ciò che Gesù dice nel Vangelo di oggi dovrebbe essere scolpito sempre nei nostri cuori, per far sì che la nostra vita sia una preghiera continua da vivere sempre con slanci di generosità nel perdono reciproco.

Monaci Benedettini Silvestrini

Offrire sacrifici a Dio

Israele era convinto di essere il Popolo eletto, ma il comportamento negativo, individuale e comunitario, attira un giusto castigo. Allora Dio offre una possibilità di una vita rinnovata; il peccatore “ha riflettuto, si è allontanato da tutte le colpe commesse: egli certo vivrà e non morirà”. La giustizia non è una situazione automatica, ma è il risultato di un impegno perseverante e sempre ripreso. Il peccatore deve ritrovare la via della fiducia, e il giusto non deve abbandonare quella della vigilanza. La Quaresima è il periodo adeguato per scrutare la nostra coscienza, trovarvi il bene (da far crescere) e il male (da estirpare). “Perdonaci, Signore, e noi vivremo”. La vera giustizia cristiana, nel vangelo di Matteo è superiore a quella degli antichi maestri di cultura e di teologia (scribi e farisei). Il cuore purificato non cede alla violenza verbale e diventa operatore di pace: l’intesa con il fratello e la riconciliazione sono le condizioni preliminari per compiere gesti di culto. “Se ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare e va’prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono”. Ma la carità si estende anche ad un “avversario” che possiamo incontrare ad ogni momento: un atteggiamento di carità sarà tenuto presente da Dio stesso.

Monaci Benedettini Silvestrini

Va’ a riconciliarti con il tuo fratello

Dovendo orientare la nostra vita alla conversione, la Quaresima ci fa ascoltare brani del “discorso della montagna”, come in questo passo, nel quale Gesù proclama la legge nuova, un rapporto nuovo di giustizia. “Avete inteso che fu detto agli antichi “Non uccidere… ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto al giudizio…”. La legge in sé provoca, accusa e punisce le trasgressioni, fungendo da carceriere, pedagogo e tutore dell’uomo. Gesù è venuto a liberarci dalla schiavitù della legge, non abolendola, ma a darle compimento. Infatti dietro la legge che condanna la trasgressione, c’è il Padre che pur condannando il peccato accoglie e perdona il peccatore in Cristo. “Sono venuto a salvare non a condannare” e ancora “Dio ha tanto amato gli uomini da dare il suo Figlio”. Gesù parla con autorità pari a colui che diede le Dieci Parole. “Io però vi dico”. Ecco perché Gesù fu così preciso e così severo. Egli voleva spezzare la facile e abbastanza comune “logica della riproduzione del male”: rendere male per male, disprezzo per disprezzo, insulto per insulto. Non basta evitare di nuocere all’altro; si deve avere per lui il massimo rispetto senza offenderlo neppure leggermente. Anzi l’accordo fraterno è così importante che la riconciliazione ha la precedenza su ogni culto religioso. Il non accordo con il fratello è la condanna di non essergli figlio. La Quaresima è tempo opportuno per esaminarci e prendere decisioni affinché ogni nostro rapporto con gli altri sia ristabilito nella luce del Signore.


Published in: on marzo 18, 2011 at 4:31 pm  Lascia un commento  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://vetrinadipreghiera.wordpress.com/2011/03/18/omelie-vangelo-18-marzo-2011-3/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: