Vangelo del giorno 1 marzo 2011

Ascolta il Vangelo > http://www.lachiesa.it/niftyplayer.swf?file=http://www.lachiesa.it/liturgia/allegati/mp3/DO082.mp3

Martedì della VIII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde

Nella prima lettura troviamo una catechesi completa sui sacrifici. Naturalmente nell’Antico Testamento quando si parla di sacrifici si pensa subito alla immolazione di animali e il Siracide ricorda al pio israelita di non trascurare le oblazioni prescritte dalla legge e di fare le proprie offerte con animo generoso e lieto:
“Non essere avaro nelle primizie che offri. In ogni offerta mostra lieto il tuo volto, consacra con gioia la decima”. Però si dilunga a spiegare che la vita è più importante dell’immolazione di vittime e così prepara già il Nuovo Testamento. “Chi osserva la legge moltiplica le offerte”, cioè l’osservanza della legge è equivalente a molte offerte: “Chi adempie i comandamenti offre un sacrificio di comunione; chi pratica l’elemosina fa sacrifici di lode…”. Non soltanto ciò che si fa per Dio costituisce un sacrificio, ma anche il bene che viene fatto al prossimo: praticare l’elemosina equivale ad offrire a Dio un sacrificio di lode. Nella lettera agli Ebrei l’autore dice: “Non dimenticatevi della beneficenza e di far parte dei vostri beni agli altri, perché di tali sacrifici il Signore si compiace”.
Ed infine il Siracide non esita ad insistere sulla generosità di Dio: “Da’ di buon animo secondo la tua possibilità, perché il Signore è uno che ripaga, e sette volte ti restituirà”. E chiaro che non si tratta di offrire sacrifici con animo interessato, compiendo così un atto di egoismo e non di omaggio a Dio, però possiamo essere sicuri che il Signore è più generoso di noi e questa persuasione ci è di aiuto ad essere anche noi veramente generosi.
Nel Vangelo odierno Gesù conferma questa concezione, anzi non parla di sette volte, ma di cento volte tanto: “In verità vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del Vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto…”. E questo ci mette al nostro posto. E falsa la pretesa di dare a Dio senza voler ricevere niente, perché è Dio che dona per primo, ed è ancora lui che alla fine darà in sovrabbondanza. Noi siamo soltanto un po’ come specchi della generosità divina: ciò che abbiamo ricevuto lo possiamo dare in parte, per ricevere ancora di più.
Anche nella Messa viviamo questo atteggiamento. 
Nell’Offertorio diciamo a Dio: “Ti presentiamo questi doni che abbiamo ricevuto dalle tue mani. Tu ci hai dato questo pane e questo vino e noi te li riportiamo con umile generosità, perché tu ci dia ancora di più, cioè non soltanto un pane materiale, ma un Pane di vita, non soltanto il vino frutto della vite, ma il Vino del regno eterno”. E questa la dinamica della nostra vita, che ci deve dare gioia sempre, perché siamo veramente coinvolti dalla generosità divina, che ci da affinché possiamo dare e ricevere ancora di più.

Antifona d’ingresso
Il Signore è mio sostegno, 
mi ha liberato e mi ha portato al largo, 
è stato lui la mia salvezza, perché mi vuol bene. (Sal 18,19-20)

Colletta
Concedi, Signore, 
che il corso degli eventi nel mondo 
si svolga secondo la tua volontà nella giustizia e nella pace, 
e la tua Chiesa si dedichi con serena fiducia al tuo servizio. 
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

Prima lettura

Sir 35,1-15
Chi adempie i comandamenti offre un sacrificio che salva.

Dal libro del Siràcide

Chi osserva la legge vale quanto molte offerte;
chi adempie i comandamenti offre un sacrificio che salva.
Chi ricambia un favore offre fior di farina,
chi pratica l’elemosina fa sacrifici di lode.
Cosa gradita al Signore è tenersi lontano dalla malvagità,
sacrificio di espiazione è tenersi lontano dall’ingiustizia.
Non presentarti a mani vuote davanti al Signore,
perché tutto questo è comandato.
L’offerta del giusto arricchisce l’altare,
il suo profumo sale davanti all’Altissimo.
Il sacrificio dell’uomo giusto è gradito,
il suo ricordo non sarà dimenticato.
Glorifica il Signore con occhio contento,
non essere avaro nelle primizie delle tue mani.
In ogni offerta mostra lieto il tuo volto,
con gioia consacra la tua decima.
Da’ all’Altissimo secondo il dono da lui ricevuto,
e con occhio contento, secondo la tua possibilità,
perché il Signore è uno che ripaga
e ti restituirà sette volte tanto.
Non corromperlo con doni, perché non li accetterà,
e non confidare in un sacrificio ingiusto,
perché il Signore è giudice
e per lui non c’è preferenza di persone.

Parola di Dio

Salmo responsoriale Sal 49

A chi cammina per la retta via mostrerò la salvezza di Dio.

«Davanti a me riunite i miei fedeli,
che hanno stabilito con me l’alleanza
offrendo un sacrificio».
I cieli annunciano la sua giustizia:
è Dio che giudica. 

«Ascolta, popolo mio, voglio parlare,
testimonierò contro di te, Israele!
Io sono Dio, il tuo Dio!
Non ti rimprovero per i tuoi sacrifici,
i tuoi olocausti mi stanno sempre davanti.

Offri a Dio come sacrificio la lode
e sciogli all’Altissimo i tuoi voti;
Chi offre la lode in sacrificio, questi mi onora;
a chi cammina per la retta via
mostrerò la salvezza di Dio».

Canto al Vangelo (Mt 11,25)
Alleluia, alleluia.
Ti rendo lode, Padre, 
Signore del cielo e della terra, 
perché ai piccoli hai rivelato i misteri del Regno.
Alleluia.

Vangelo

Mc 10,28-31
Riceverete in questo tempo cento volte tanto insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà.

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». 
Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Dio è fedele e generoso; egli ricompensa il più piccolo sacrificio compiuto per amore del vangelo. Con fede viva lo invochiamo dicendo:
Benedici il tuo popolo, Signore.

Per la Chiesa nostra madre: fà che il suo annuncio sia in limpido accordo con le sue opere. Preghiamo:
Per i nostri sacerdoti e religiosi: rendili spiritualmente fecondi, lieti nella loro povertà, obbedienza e castità. Preghiamo:
Per i genitori cui tu chiedi un figlio per la Chiesa: fà che abbiano consolazione e sentano la bellezza di donare. Preghiamo:
Per chi non ha famiglia: fà che senta il calore della comunità e la protezione del tuo Spirito. Preghiamo:
Per chi soffre a causa del vangelo: infondigli la forza e la speranza dei martiri e dei santi. Preghiamo:
Per i sacerdoti in crisi.
Per chi dispera della salvezza.

O Dio, che ci sei padre e madre, fratello, amico e sposo, in questa eucaristia ti esprimiamo l’anelito di tutta la Chiesa, che con il Cristo tuo Figlio è in cammino verso la beata eternità. A te la potenza e l’onore per i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, da te provengono questi doni 
e tu li accetti in segno del nostro servizio sacerdotale: 
fa’ che l’offerta che ascrivi a nostro merito 
ci ottenga il premio della gioia eterna. 
Per Cristo nostro Signore.

Antifona di comunione
Voglio cantare a Dio per il bene che mi ha fatto, 
voglio lodare il nome del Signore Altissimo. (Sal 13,6) 

Oppure: 
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni, 
sino alla fine del mondo”, dice il Signore. (Mt 28,20)

Preghiera dopo la comunione
Padre misericordioso, 
il pane eucaristico 
che ci fa tuoi commensali in questo mondo, 
ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna. 
Per Cristo nostro Signore.

OMELIA

Pietro, sempre immediato a chiedere chiarimenti, vuol sapere che ne è di loro che hanno già abbandonato tutto e l’hanno seguito, a differenza di quel tale che non ha avuto il coraggio di seguirlo. Il discorso del Maestro infatti aveva lasciato lui e i suoi compagni abbastanza disorientati, in considerazione anche a un contesto in cui le ricchezze rappresentavano la benedizione di Dio. La risposta di Gesù ai suoi è solenne e consolante, aldilà del poco o del tanto che abbiano abbandonato. “Non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle… a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in case e fratelli… insieme a persecuzioni (è un inciso di Marco, molto significativo per la vita cristiana), e nel futuro la vita eterna”. Per quanto l’uomo doni a Dio, Dio non si lascia vincere in generosità e il dono dell’uomo è sempre un dono ridonato. Che casa si ha, che non sia già stato ricevuto dalla bontà del Signore? Per comprendere nel senso più adeguato questa solenne affermazione di Gesù, può essere considerata un’altra, non meno inequivocabile: “Chi ama la madre o il padre più di me non è degno di me”. Non parliamo poi delle ricchezze di ogni genere, cercate o possedute in modo sregolato, che appesantiscono l’anima, da cui si leva la voce di Agostino: “Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”. Ciò che Pietro ha chiesto, quale compenso alla loro rinuncia, ha squarciato il cuore di Dio. “Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore dell’uomo, queste ha preparato Dio per coloro che lo amano”. Queste sono le vere ricchezze confermate dal detto di Gesù “Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi”. Sono stati poveri in questo mondo o hanno condiviso quanto possedevano, ora possiedono Dio.


Published in: on marzo 1, 2011 at 9:37 pm  Lascia un commento  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://vetrinadipreghiera.wordpress.com/2011/03/01/vangelo-del-giorno-1-marzo-2011/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: